Camorra, sequestrati beni per oltre 30 milioni di euro

Una volante della G.d.F.

NAPOLI, 31 Marzo – In seguito ad un’indagine coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia, il Ros dei carabinieri di Napoli, in collaborazione con il reparto squadra mobile della polizia di Stato della Questura della città partenopea, hanno eseguito le ordinanze di custodia cautelare a carico di alcuni imprenditori affiliati ai clan camorristi Casalesi-Zagaria, sospettati per il reato di associazione di stampo mafioso e di estorsione.

L’operazione, coordinata dai PM della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli Ardituro, Del Gaudio, Falcone e Maresca, ha permesso ai militari della Guardia di Finanza del comando provinciale di Napoli il sequestro, per oltre 30 milioni di euro, di beni acquisiti illecitamente dagli imprenditori attraverso il supporto dei clan.

Durante l’operazione sono stati arrestati alcuni degli esponenti del clan Zagaria, per la precisione il padre ed il fratello del boss latitante Michele Zagaria.

Emiliano Tarquini