Indice PMI migliore delle previsioni. Forse la ripresa è iniziata.

A marzo, l’indice PMI (Purchasing Managers Index) dei servizi italiani ha raggiunto livelli che lasciano presagire l’inizio di una vera ripresa economica.  L’indice, infatti, ha toccato i 55,3 punti contro i 50,8 di febbraio. Il miglioramento è ancor più positivo, perché supera abbondantemente anche le stime più rosee, che si attestavano sui 51,6 punti.

Questo aumento delle attività, è il più netto registrato negli ultimi due anni e mezzo, ed è dipeso dal forte incremento dei nuovi ordini. Ancor più confortante è che le attività del terziario siano aumentate per cinque mesi durante gli ultimi sei. Questo miglioramento è stato possibile perché le speranze in un progresso dell’economia e nel successo dei nuovi prodotti ha generato un forte senso di ottimismo.  A farci ben sperare è che il PMI sia cresciuto in tutta la Eurozona, portandosi a 54,1.

Il Purchasing Managers Index, è molto importante, perché permette di capire in anticipo quali siano le aspettative delle aziende per il futuro. Infatti, la figura del direttore agli acquisti è una figura chiave, che ha la responsabilità di anticipare le tendenze del mercato per procurare all’azienda gli input in vista dell’output finale.

Marco di Mico