Il malocchio esiste ed è dimostrabile scientificamente. Parola del dott. Ross

Il noto psichiatra Colin A. Ross ha pubblicato i primi dati sperimentali di una ricerca che suggerirebbe che gli occhi possano emettere energia elettromagnetica. Niente a che fare con Ciclope degli X-Men, o i raggi-x di Superman, ma un’emanazione elettromagnetica in grado di essere percepita da animali ed esseri umani. Ciò che, sostanzialmente, ha contribuito a creare l’idea superstiziosa del malocchio.
Lo studio, dal titolo “The Electrophysiological Basis of Evil Eye Belief”, è stato pubblicato con l’ultimo numero di Anthropology of Consciousness, rivista della American Anthropological Association.

Anche se ognuno di noi ha sperimentato la sensazione di sentirsi osservato da un animale o da un altro essere umano, prove scientifiche del fatto che gli occhi siano in grado di emettere energia non ne sono mai state trovate, e l’ipotesi veniva scartata come pseudo-scienza o superstizione pura. Ma il dottor Ross (nella foto a sinistra) sostiene che la sua scoperta di “extramissione oculare umana”, alla quale si riferisce anche con il termine di “raggio oculare”, non sia più superstizione, ma scienza.

“Abbiamo usato il nostro Electromagnetic Beam Detection System, in attesa di brevetto, che include anche un EEG, per provare che l’occhio umano emette un segnale elettromagnetico che può essere scientificamente misurato” sostiene Ross. “Spero che i futuri esperimenti possano determinare perchè l’energia emessa dagli occhi sia così forte, e se possa essere direzionata con la propria volontà”.

Secondo la ricerca, gli occhi emettono onde elettromagnetiche da 1-40 Hertz e 1-10 microvolt, onde che possono essere rilevate utilizzando una strumentazione particolare, che è ora in attesa di brevetto. Insomma, secondo Ross il malocchio non sarebbe altro che un flusso elettromagnetico che alcune persone sono in grado di sfruttare in manira particolare, ma che tutti gli esseri umani emettono dai loro occhi.

Cosa penso io? Mah, sinceramente sono scettico. Di apparecchiature che rilevano cose che si sono dimostrate palesemente false ne sono esistite fin troppe; ma è anche vero che strumenti simili hanno cambiato il mondo della scienza più di una volta.

Il dottor Ross sostiene di meritarsi a pieno titolo il premio da 1 milione di dollari messo in palio dalla James Randi Educational Foundation. Afferma di poter modificare un suono emesso da un computer utilizzando questo “raggio oculare”, ma la Fondazione James Randi nega il fatto che una cosa del genere sia possibile, premiandolo con il Pigasus Award.

Se sia vero o meno, questo lo lascio decidere a voi. Di annunci strabilianti simili a questo ne sono stati fatti molti, molti si sono rivelati panzane mentre in alcuni casi c’era almeno una base di verità. Colin A. Ross è autore di oltre 140 ricerche e di 23 libri, ha scritto per molti giornali psichiatrici di tutto il mondo, e non è certo il primo buffone che si incontra per strada.

Ma come ci insegna la scienza, un esperimento deve essere verificabile e replicabile da chiunque per poter essere considerato reale. Vedremo col tempo se James Randi ha ragione o se si è sbagliato a giudicare troppo frettolosamente il lavoro di Ross.

Daniele Bagnoli