Tremonti: “Nessun buco da 5 miliardi nei conti pubblici”

Il Ministro dell’Economia Giulio Tremonti ha chiarito il piccolo giallo che per tutta la giornata di ieri ha creato qualche preoccupazione sull’andamento dei nostri conti. Tutto nato da un equivoco, un fraintendimento, ha assicurato il ministro, intervenuto da Santoro ad “Anno Zero”.
”A luglio – ha chiarito Tremonti – vareremo un aggiustamento di 0,5 punti percentuali, con un rifinanziamento delle spese per 4-5 miliardi che anticipera’ la finanziaria tabellare dell’autunno, con l’obiettivo di correggere i conti del 2011. Come stabilito con la Commissione Europea”.
Le voci di una manova estiva, necessaria per coprire un buco nei nostri conti, erano circolate per tutto il pomeriggio. Il primo a smentire l’ipotesi di un ‘buco’ da 4-5 miliardi e’ stato il viceministro all’Economia, Giuseppe Vegas.
Poi sullo stesso argomento è intervenuto due volte lo stesso Tremonti, prima a margine di un incontro all’Abi: ”l’ impegno della Repubblica italiana preso con la Commissione europea – chiariva il ministro – e’ quello di una correzione dello 0,5% nel 2011. E il Governo manterra’ questo impegno. Punto.”
Poi in serata alla tramissione “Anno Zero” di Santoro, Giulio Tremonti, a sorpresa, per sgombrare il campo da ogni interpretazione ha affermato: “la manovra 2011 avrà i tempi della nuova finanziaria. A luglio la correzione concordata con l’Ue, poi dopo la nuova legge di Stabilità. Come è avvenuto nel 2008 ”quando abbiamo fatto un decreto a luglio e poi la finanziaria secca a settembre: sono i nuovi tempi della finanziaria”.

Confesercenti