Inter-Juve, Zaccheroni: “Voglio la miglior Juve”

Rivalità – storica e recente -, gli strascichi di Calciopoli, il 5 maggio o il fascino del Derby d’Italia. Tutti elementi destinati a rendere ancora più interessante la sfida del Meazza di domani sera. Elementi che ad Alberto Zaccheroni non interessano: «Io sono concentrato solo sulla partita. Al di là della scelte dei giocatori e del modulo, mi interessa l’interpretazione. Voglio vedere una squadra tosta, la miglior Juve. Dobbiamo confermare i segnali di crescita fatti recentemente e migliorare la classifica, proprio ora che le giornate si riducono».

Sarà ancora una volta una sfida fondamentale per la classifica. Anche se lo Scudetto è un obiettivo solo per i nerazzurri, i bianconeri hanno il quarto posto nel mirino e i tre punti sono sempre decisivi. Indipendentemente dall’avversario. «Quest’anno l’Inter si è dimostrata più forte di noi. Ma da quando sono arrivato, nelle ultime 12 partite, abbiamo fatto gli stessi punti. Purtroppo su di noi il peso della classifica negativa incide sui giudizi e le nostre vittorie vengono sminuite. Come successo domenica con il Cagliari».

Non solo per la Juventus, ma anche per Alberto Zaccheroni la sfida con l’Inter è legata a ricordi particolari. Intanto la parentesi alla guida dei nerazzurri. Ma anche e soprattutto quello del 5 maggio 2002, quando un successo della sua Lazio spalancò le porte al tricolore bianconero: «Togliere un altro Scudetto all’Inter? No, mi interessa solo fare punti per la Champions. Troviamo una squadra che è seconda in classifica e che è in semifinale di Champions League e sicuramente non sceglierà tra i due obiettivi. Vista martedì a Firenze e con il Chelsea, non mi è sembrata in difficoltà. Forse ultimamente ha avuto qualche calo di tensione in partite considerate meno impegnative».

TuttoJuve