“Earth Day 2010”: il mondo si mobilita per la salvaguardia dell’ambiente

Si celebra il 22 aprile l’Earth Day, Giornata Mondiale della Terra, che, nella sua quarantesima edizione, ha come temi biodiversità e oceani.

La festività è riconosciuta da 175 nazioni e viene commemorata da quasi mezzo miliardo di persone: celebrato a livello internazionale per la prima volta il 22 aprile 1970 in risposta ad un appello del senatore democratico Usa Gaylord Nelson e nato come movimento universitario, nel tempo, l’Earth Day è divenuto un avvenimento educativo ed informativo.

Il 22 aprile prossimo, dunque, Governi e Nazioni di tutto il mondo si mobiliteranno per affermare il rispetto dovuto alla terra, alla natura e all’ambiente. Bando a inquinamento di aria, acqua e suolo, alla distruzione di ecosistemi, piante e specie animali, all’esaurimento delle risorse non rinnovabili. Spazio invece al riciclo dei materiali, alla conservazione delle risorse naturali (petrolio e i gas fossili), al divieto di utilizzare prodotti chimici dannosi, e alla protezione delle specie minacciate.

Tra le novità di quest’anno, la petizione per la Dichiarazione Internazionale sul Clima realizzato dall’Earth Day Network, che sollecita il Congresso degli Stati Uniti a redigere ed approvare un disegno di legge sul clima per il contenimento delle emissioni di gas serra e farsi promotore, nel mondo,  per una legislazione globale sul clima. I nomi di tutti coloro che firmeranno la petizione verranno visualizzati  il 25 aprile durante il “Rally per il Clima” a Washington, evento che segnerà il 40° anniversario della Giornata della Terra.

Quanto all’Italia, in vista della ricorrenza, tre rappresentanti del governo Usa presso lo Stato italiano, la Santa Sede e le organizzazioni delle Nazioni unite a Roma (Fao, Ifad e Wfp), David Thorne, Ertharin Cousin e José Miguel Garcia, armati di pennello e ramazza, sono scesi in campo a Roma contro il degrado della capitale in piazza Trilussa, nel cuore di Trastevere. L’iniziativa si è svolta in collaborazione con l’Ama e l’ufficio decoro urbano del Campidoglio.

L’idea della giornata di volontariato è stata lanciata da Retake Rome, l’associazione composta per lo più da americani che vivono nella Capitale.

Sempre nella capitale, torna a grande richiesta per il terzo anno consecutivo un grande eco-concerto del Nat Geo Music Live, gratuito, che sarà ospitato presso gli spazi del Circo Massimo. Tra i protagonisti, Pino Daniele, i Morcheeba, e Rokia Traorè. Dal comune fanno sapere che “la manifestazione sarà ad impatto zero, in quanto i 544mila chilogrammi di anidride carbonica che genererà saranno compensati dalla creazione di una nuova area verde di 10 mila metri quadri nel parco romano di Aguzzano e da oltre 202 mila metri quadri di nuove foreste in Madagascar”.

(stefania del ferraro)