Follonica: AboutNature, sulle orme della natura

Un’indagine sulla natura, sui suoi processi morfologici, le sue trasformazioni, dei quali l’artista si appropria, per attingere a una poetica delle “forme in divenire”; un percorso che trae origine dal pensiero del celebre scrittore e poeta del settecento, Johann Wolfgang von Goethe, il quale dedicò parte della sua vita all’analisi della natura e delle piante, messa a punto nel testo “Metamorfosi delle piante”. L’esposizione “AboutNature. Forme in divenire”, a cura di Maria Chiara Valacchi, accolta e promossa dalla Civica Pinacoteca di Follonica, presenta una ventina di opere realizzate da 14 artisti di rilievo internazionale che, dagli anni Sessanta ad oggi, hanno fondato una loro ricerca sul concetto di natura.
La natura intesa come “exempla” del processo di trasformazione artistica, sviluppo sensibile di forme in divenire, della quale imitare il ritmo formale come i moduli ripetitivi del codice di successione numerica di Fibonacci (relativo alla morfologia di piante, foglie, alberi, conchiglie) ma anche l’imprevedibilità dei suoi avvenimenti, affidandosi al caso, e giungere a un’estetica compositiva dove ripercorrere le origine del creato: non solo gli elementi naturali, le loro forme, colori, inflorescenze, la loro decomposizione, ma anche il rapporto con la natura stessa degli esseri viventi o semplicemente quella umana….
L’esposizione presenta una bella selezione di opere contemporanee che garantiscono un alto impatto estetico, e che documentano molto bene le varie definizioni di “natura” attraverso lo sguardo di alcuni artisti che hanno applicato l’utilizzo di materiali semplici e primari, e alcuni codici estetici dell’universo naturale. Dall’arte povera di Giovanni Anselmo e Giuseppe Penone, passando dalle performance, tese all’esplorazione delle reazioni fisiche, inscenate dal controverso Hermann Nitsch, capofila dell’azionismo viennese, fino alla pittura di Kim Dorland. Sul palcoscenico degli anni Settanta si delinea una tendenza al ricreare gli ambienti naturali attraverso i quali invitare il pubblico a interagire con l’opera, come si evince dai lavori dello scultore italiano Piero Gilardi. In mostra, le opere dell’americana Kiki Smith, figlia del noto esponente della corrente del minimalismo, Tony Smith: un lavoro intenso sul tema della materialità del corpo, della sua deperibilità e vulnerabilità; il copro della donna esplorato in maniera allegorica nella sua fragilità ma anche nel suo aspetto erotico. Molto simile alla Smith nell’approccio scultoreo, Paolo Grassino lavora con materiali riciclati realizzando suggestive sculture sul tema della metamorfosi degli esseri viventi: uomini- alberi, cervi sospesi e discariche di auto dove dominano cani “cerbero”, a diffesa di queste visioni futuribili, scaturite dal nostro immaginario collettivo. Tra gli artisti anche la fotografa tedesca, Candida Hofer che propone, nelle sue composizioni, affascinanti tagli di ambienti, dove evidenzia in modo quasi ossessivo le simmetrie architettoniche, per ottenere degli effetti di successioni infinite delle linee prospettiche. Ripetizioni quasi “minimali” nelle strutture di Pierluigi Calignano che sembra ricreare incessantemente i moti perpetui della natura. Tra gli artisti in mostra anche Stefano Arienti, Micheal Dean,  Alice GuareschiLuca Pozzi e il giovane artista  macedone Nikola Uzunouski, esordito nel panorama artistico internazionale in occasione della 53° Biennale di Venezia (2009), con l’opera “My Sunshine” che fa parte di una più ampia indagine dell’artista sui danni che l’assenza di luce naturale provocano a livello fisico e psicologico. L’opera “My Sunshine”  è realizzata con pannelli riflettenti posizionati all’interno di palloni aerostatici trasparenti che rimangono sospesi nel cielo riflettendo a terra i raggi del sole. L’intento è quello di “offrire” il sole a chi come in Lapponia non lo vede quasi mai.

Carlotta Degl’Innocenti

About nature – Forme in divenire
18 aprile – 27 maggio 2010
Inaugurazione 18 aprile ore 19.
Pinacoteca Civica
Piazza del popolo, 1 – Follonica
Orario: mart – dom. 15-19.30, chiuso lunedì e mercoledì
Telefono : 0566 42412 – 0566 41305
Ingresso Libero

Artisti: Giovanni Anselmo, Stefano Arienti, Pierluigi Calignano, Kiki Smith, Micheal Dean, Kim Dorland, Piero Gilardi, Paolo Grassino, Alice Guareschi, candida Hofer, Hermann Nitsch, Giuseppe Penone, Luca Pozzi, Nikola Uzunouski.