La giornata del silenzio televisivo inizia da Facebook

Sabato 24 aprile partirà da Facebook la ”giornata del silenzio televisivo”. L’idea, promossa dall’associazione eugubina ”Civiltà Etica”, vuole essere un modo non violento e pacifico per resistere alla Tv. Secondo Gianluca de Gennaro, presidente dell’associazione, la Tv in Italia sembra essere diventata uno strumento di tecnocrazia che non può più essere controllato. L’unica scelta, almeno per ora, sembra essere quella di non collaborare affinché i tecnocrati dell’informazione televisiva ma anche radiofonica non possano controllare a loro volta gli italiani. Dunque, l’invito generale è quello di spengere la Tv dalle 17 alle 22 di sabato. A Gubbio, inoltre, si avranno spettacoli e intrattenimenti, ma anche forum all’aperto per discutere sul senso dell’iniziativa. Un dialogo con chiunque si senta di esprimere la propria opinione. Le adesioni all’evento sono già soddisfacenti: 1.500 solo attraverso Facebook e altre 1000 tramite e-mail. L’iniziativa sarà riproposta, probabilmente, ogni quattro mesi, cercando di raggiungere l’obiettivo di un milione di adesioni.

Francesca D’Amico