Volley femminile, play off scudetto: Asystel Novara sbanca Pesaro.

Sconfitte al tie-break, le biancorosse ora si giocano tutto lunedì sera contro un’Asystel tenacissima in difesa e capace di approfittare dei loro errori.

Amaro pomeriggio per la Scavolini, che si è fatta battere in casa da un’Asystel tenacissima in difesa e capace di raddrizzare un set ormai perduto (il secondo) grazie a quattro errori delle pesaresi. Dal possibile 2-0 per le biancorosse ecco riaperta la partita: Logan Tom imperversava e l’Asystel scappava via a +6 prima di farsi mangiare quasi tutto il vantaggio. Decideva tutto un errore di Skowronska in battuta sul 23-24. Sull’1-2, la Scavolini rintuzzava un avvio positivo delle avversarie mettendo il naso avanti sul 10-9 e conservando un minimo vantaggio sino alla fine. Nel tie-break, di nuovo grande equilibrio sino al 4-0 decisivo delle piemontesi, che chiudeva con un ace beffardo di Kozuch. Male in attacco tutte le bande pesaresi (Skowronska, Costagrande ed Usic hanno messo a terra una palla su tre), attacco complessivamente al 38% (Novara al 39%). Lunedì alle 20.30 spareggio a Pesaro: in palio il passaggio alle semifinali scudetto.

SCAVOLINI-ASYSTEL 2-3

SCAVOLINI PESARO: Usic 15, Garzaro 9, Skowronska 21, Costagrande 22, Guiggi 12, Ferretti 5; Wijnhoven (L), Boscoscuro. N.e. Mari, Marinkovic, Saccomani, M.Usic. All.Marchesi.

ASYSTEL NOVARA: Kirillova 2, Barcellini 10, Barazza 10, Kozuch 22, Tom 30, Paggi 6; Sirressi (L), Camera , Flier , Rosso, N.e. Lapi, Zardo. All. Paglialunga.

ARBITRI Ravallese e Piersanti.

NOTE Parziali 25-22 (26′), 23-25 (29′), 23-25 (30′), 25-23 (28′), 11-15 (15′). Scavolini: battute sbagliate 10; battute vincenti 3; ricezione 68% (prf 56%); attacco 38%; errori 26; muri 14. Asystel: battute sbagliate 11; battute vincenti 4; ricezione 63% (prf 51%); attacco 39%; errori 20; muri 11.