Attacco a New York, è caccia all’ uomo: dubbi sulla rivendicazione dei talebani

    In un video diffuso su internet un gruppo talebano, Tehrik-e-Taliban, ha rivendicato il fallito attentato a Times Square, nel cuore pulsante di New York, come risposta agli attacchi statunitensi condotti dai droni nelle regioni tribali del Pakistan negli ultimi mesi. Il filmato, che dura nove minuti e sarebbe stato registrato il 4 aprile, non fa riferimento al fallito attentato a Times Square: nel video riappare il leader talebano Hakimullah Mehsud, che era dato per morto dall’intelligence Usa e pakistana, che minaccia attacchi terroristici nelle maggiori città americane “nei giorni e mesi a venire” ad opera dei “fedayeen” (guerriglieri)

    Ma il sindaco newyorkese Michael Bloomberg ha escluso che il fallito attentato di Times Square possa avere legami con Al Qaida. “Non ci sono prove che l’episodio sia legato ad Al Qaida o ad altre organizzazioni terroristiche importanti. Sono fiducioso sul fatto che cattureremo chi ha fatto tutto questo”, confermando che in realtà si sta indagando sulla pista legata al noto cartone animato “South Park”: l’autobomba era stata parcheggiata davanti alla sede di Viacom che produce il dissacrante cartoon minacciato dai fondamentalisti islamici per aver fatto ironia su Maometto. Alcuni giorni fa un sito islamico radicale newyorchese aveva minacciato i creatori del cartoon per aver mostrato l’immagine di Maometto travestito da orso, facendo riferimento a Theo van Gogh, il regista olandese discendente del celeberrimo pittore, accoltellato da un fondamentalista islamico nel 2004 ad Amsterdam.

    Le 80 telecamere di sorveglianza presenti nella zona stanno indagando su uomo di carnagione bianca e di media età che è stato notato togliersi una maglietta di colore scuro per rimanere con una di colore rosso e poi dileguarsi in modo alquanto furtivo. Sull’auto, un Suv Pathfinder Nissan, gli agenti federali hanno trovato alcune impronte digitali che potrebbero risultare utili per l’identificazione dei responsabili. Nel bagagliaio, invece, gli artificieri hanno trovato tre taniche di propano, fuochi artificiali, due taniche di benzina e due orologi a batteria, filo elettrico e altre componenti (tra cui fertilizzanti). Il ministro della Sicurezza interna Janet Napolitano ha sottolineato che non ci sono elementi che facciano pensare a qualcosa di diverso da un episodio isolato, anche se il caso viene trattato come un potenziale attacco terroristico che l’amministrazione non intende sottovalutare.

    Luigi Ciamburro