Novara, donna araba rischia 500 euro di multa per aver indossato il burqa

Una donna araba è stata fermata ed identificata dai Carabinieri a Novara perché indossava il burqa. Ora rischia di dover pagare 500 euro di multa. Questa mattina i carabinieri hanno segnalato l’episodio al comando della polizia municipale. “Ora sarà nostro compito stilare il verbale di sanzione”, annuncia il comandante dei vigili Paolo Cortese. Le forze dell’ordine hanno fermato la ragazza nei pressi delle Poste centrali della città, agendo in base ad un’ordinanza, emanata dal sindaco leghista Massimo Giordano, che vieta l’uso negli edifici pubblici di abiti che impediscano l’immediata identificazione di chi li indossa. L’idea di emettere il provvedimento, firmato all’inizio di quest’anno, è nata a novembre del 2009 quando lo stesso Giordano ha incrociato per strada una donna di origine marocchina che passeggiava con il marito, completamente coperta da un vestito nero che non consentiva di riconoscerla. Il sindaco ha allora sollecitato l’intevento delle forze dell’ordine, chiedendo ai carabinieri di identificare la coppia.
“Con questa sanzione -dichiara Giordano- si passa dal provvedimento teorico all’attuazione concreta, sintomo che c’è ancora qualcuno che non vuole capire che la nostra comunità non accetta che si vada in giro in burqa”. “Spero -conclude il primo cittadino- che risulti chiaro a tutti come indossare un abito che non consenta il riconoscimento personale possa essere tollerato tra le mura di casa ma non nei luoghi pubblici”.

Tatiana Della Carità