Fast food: non solo calorie, a preoccupare è il troppo sodio

    Attenti fans dei fast food: anche se state attenti ai Kilojoule che ingerite quando vi recate in quei ristoranti, è molto probabile che a preoccuparvi non debbano essere quelli, ma il troppo sodio con cui hamburger e patatine, o anche una semplice insalata di pollo, vengono conditi.

    Un sondaggio effettuato su migliaia di clienti all’ora di pranzo di 11 diverse catene di fast food ha scoperto che il loro pasto conteneva una media di 1.700 milligrammi (mg) di sodio. Le linee guida sulla salute consigliano alla maggior parte delle persone di non mangiare più di 1.500 mg di sodio al giorno.

    “Il sodio è stato elevato in tutte le catene che abbiamo esaminato, e in particolare la densità di sodio è alta” ha spiegato Christine M. Johnson del Programma di controllo e prevenzione delle malattie cardiovascolari del New York City Department of Health and Mental Hygiene.

    Mangiare troppo sale è un fattore di rischio ben noto per la pressione alta. Ma è difficile per le persone mantenere il loro apporto di sodio sotto controllo, tanto più che oltre tre quarti del sale che la gente mangia viene da un pasto al ristorante e da alimenti confezionati, si legge sulla relazione pubblicata sugli Archives of Internal Medicine.

    Le linee guida statunitensi affermano che gli adulti dovrebbero consumare meno di 2.300 mg di sodio al giorno, e che si restringe a 1.500 mg per le persone di colore, quelle con pressione alta, e le persone di oltre 40 anni, che rappresentano sette adulti su 10 negli USA.

    Per esaminare quanto sodio la gente potrebbe consumare con i pasti nei fast food, i ricercatori hanno intervistato 6.580 persone che mangiavano in uno dei tantissimi fast food della Grande Mela. Quasi il 60% degli acquisti conteneva più di 1500 mg di sodio. La Food and Drug Administration afferma che 600 mg di sodio per pasto è il quantitativo considerato “sano”, ma solo il 3% dei pasti rispetta questa linea guida, mentre il 20% conteneva più di 2.300 mg di sodio. I pasti avevano in media circa 2.100 mg di sodio per ogni 4.200kJ. Anche in Europa, come in America, i fast food sono tenuti a fornire un elenco del contenuto calorico di tutto il cibo e delle bevande che vendono, ma non ci sono i requisiti per quantificare il contenuto di sodio.

    Johnson suggerisce che le persone che mangiano nei fast food e vogliono limitare la loro assunzione di sodio dovrebbero verificare la disponibilità di informazioni on-line, visitando, ove possibile, il sito Web del ristorante. Erin Brady, vice segretario del Dipartimento di Salute di New York, ha lanciato una iniziativa nazionale per ridurre il tenore di sodio negli alimenti confezionati da ristorante del 25% entro il 2014 e a tutt’oggi sono 16 le società che hanno firmato un contratto per aderire all’iniziativa, insieme a decine di città e Stati e 18 organizzazioni sanitarie nazionali. Aspettiamo che tali provvedimenti siano presi anche nella UE.

    MedicinaLive.com