Luca Cordero di Montezemolo: Taxista per una notte a Roma

    MOntezemolo taxista per una notte a Roma

    Non trovate un taxi a Roma?

    Chiamate Luca Cordero di Montezemolo. Il Presidente della Ferrari è diventato taxista per una notte accompagnando a Roma due turisti americani senza taxi all’uscita del ristorante.

    Non tollero che si parli male del mio Paese, di Roma, della gente che lavora tra mille difficoltà: così Luca Cordero di Montezemolo ha risolto il problema di due turisti a Roma. Il Presidente della Ferrari, a cena con famiglia e amici al ristorante Antica Pesa di via Garibaldi, ha assistito alla scena di due clienti americani spazientiti perchè il ristoratore non trovava un taxi per tornare in albergo.

    Montezemolo però ha voluto risolvere la situazione: vi accompagno in albergo io ha detto ai due turisti. Presa la Panda della moglie -la Maserati non è il massimo per girare nel traffico romano- ha caricato la coppia e si è diretto verso l’hotel De Russie, a piazza del Popolo. Durante il breve tragitto l’imprenditore americano ha chiesto di cosa si occupasse l’improvvisato taxista: lei è un attore?. No sono il presidente della Ferrari ha risposto Montezemolo. Non ci volevano credere — racconta il numero di di Maranello— poi ho consegnato loro un biglietto da visita, si sono convinti e alla fine mi hanno anche riconosciuto. Pensi che questo imprenditore possiede anche due Ferrari. Vede, mi dispiace sentir disprezzare l’Italia. Ma siamo sempre lì. Se ognuno di noi facesse la sua parte e tutti insieme facessimo squadra, questo Paese non avrebbe rivali al mondo. Invece..

    Naturalmente possiamo solamente complimentarci con Montezemolo per il suo gesto e usarlo come esempio: se vediamo una persona in difficoltà lungo lo strada, oppure possiamo risolvere un problema altrui, mettiamo da una parte il menefreghismo e aiutiamo il prossimo.