Copenhagen, l’autobus per trovare l’anima gemella! Mezzi pubblici con le sedie dell’amore.

L’amore è una cosa meravigliosa recita il titolo di un noto film del 1955 diretto da Henry King divenuto famoso soprattutto per la sua colonna sonora premiata dall’Oscar. Il motivo entrò perfino nel repertorio di Frank Sinatra e in quello di Nat King Cole.

L’amore è il “valore aggiunto” della vita di ognuno di noi, chi ha la fortuna di averlo trovato è sicuramente in una condizione molto più vantaggiosa rispetto ai single, perché la vita si sa, è piena di problemi e affrontarli insieme al proprio partner è molto più agevole.

Fin da bambini cresciamo nel mito dell’amore “bombardati” dai classici Disney: La Bella addormentata nel bosco, Cenerentola, La Bella e la Bestia, La Sirenetta, ecc.

Crescendo e cessata la fase dei nani, delle matrigne cattive e del “Vissero tutti felici e contenti”, passiamo poi alle commedie romantiche made in Hollywood che ci commuovono e ci fanno sognare ad “occhi aperti”, per citarne alcune: Pretty Woman, C’è posta per te, Harry ti presento Sally, Shakespeare in love, 50 volte il primo bacio.

Per non parlare della letteratura dove l’amore è protagonista assoluto in tutte le sue sfaccettature: amore erotico, passionale, quello platonico, quello struggente e impossibile.

Insomma non sorprende affatto se poi tutti siamo alla ricerca spasmodica della propria anima gemella, dell’altra metà della mela, dell’amore con la “A” maiuscola.

Donne, il problema è che spesso trovare il proprio “principe azzurro” non è così semplice come vi è stato raccontato. Se state aspettando che vi raggiunga a cavallo di un bianco destriero state fresche! E voi uomini, non sempre vestirsi in calzamaglia e cappello col pennacchio, parlare in rima come Don Chisciotte e uccidere draghi vi porterà dritti alla vostra amata. Che poi, è mica così facile trovare un drago al giorno d’oggi?

Ben presto ci si accorge che incontrare l’uomo o la donna giusti è come cercare un ago in un pagliaio! La delusione è sempre in agguato dietro l’angolo. Spesso non c’è più neanche il tempo materiale per pensare all’amore, presi come siamo dal lavoro e dal desiderio di “fare carriera”. Diventa sempre più difficile trovare il momento propizio per creare l’occasione di un incontro.

Curioso cosa è stato organizzato dalla città di Copenhagen per aiutare i single a trovare la persona giusta. Nella capitale della Danimarca per un paio di settimane ci sarà un’iniziativa a dir poco originale, per le strade della metropoli gireranno degli autobus molto particolari: gli autobus dell’amore!

I mezzi pubblici porteranno la scritta “Kaerlighedssaede” sulla fiancata esterna che in lingua danese vuol dire: sedie dell’amore. I bus serviranno per consentire a chi fosse interessato di trovare l’anima gemella.

Sedili particolarmente accoglienti e di colore rosso, saranno riservati solo ed esclusivamente ai viaggiatori che desidereranno fare conversazione e magari scambiarsi numeri telefonici per frequentarsi altrove, in un posto più intimo senza la presenza della macchinetta vidimatrice e senza dover parlare tra una fermata e l’altra.

Per il momento si tratta solo di un esperimento, ma se avrà un buon riscontro, il portavoce dell’azienda di trasporto locale ha già comunicato che “i bus di Cupido” verranno introdotti in pianta stabile e su molte più linee urbane.

L’esperimento potrebbe essere seguito molto presto anche dalle altre città danesi. La ratio di questa iniziativa è soprattutto “spingere” di più i cittadini a scegliere i mezzi pubblici, confermando Copenhagen come una delle capitali europee più attente alla tutela dell’ambiente.

Speriamo che quest’iniziativa possa prendere piede un po’ ovunque ed anche in Italia. Questo perché incentiverebbe l’utilizzo dei mezzi pubblici a scapito delle auto, risolvendo così l’annoso problema della congestione del traffico.

I bus di “strano amore” avrebbero così il pregio di prendere “due piccioni con una fava”, da un lato darebbero una grossa mano ad abbattere l’inquinamento atmosferico che in tutte le città italiane è sopra il livello di guardia e dall’altro contribuirebbero alla diminuzione della percentuale dei single sempre più in aumento, facendo nascere nuove coppie d’innamorati.

Oh, l’amour, l’amour! L’amore non è solo una parola che fa rima con cuore. L’amore è il motore della vita. Tutti abbiamo bisogno di essere amati, perché la vita senz’amore è come una cornice senza tela, il cielo privato delle sue stelle, è come un corpo senz’anima.

Fabio Porretta