Renato Zero contro ‘X-Factor’ ed ‘Amici’: “Un Pavarotti non si costruisce in un mese”

La copertina dell'ultimo album di Renato Zero

“I Talent-Show hanno la stessa logica di mercato della Major. Mettiamo in gara 12 cavalli, uno vincerà”

. E’ un Renato Zero agguerritissimo e polemico quello che troviamo alla presentazione del suo ultimo cd/dvd live ‘Presente Zero novetour’ (in uscita ieri) che torna a parlare male della categoria più in voga al momento del panorama televisivo italiano e non solo.

“Un Pavarotti non si costruisce in un mese. La gavetta, quella mia, di Baglioni e Ramazzotti non si fa davanti alle telecamere, ma nell’ombra e nel silenzio”.

Fiacchini  ne ha anche per i Reality: “Nelle ‘Isole’ non esce il meglio di noi stessi – commenta- più litighi e sei volgare, più funzioni. Fermare questo palinsesto è dura, meglio andare al cinema.”

 Un veterano della musica italiana che non accetta, dunque, che il primo ragazzetto uscito da un Talent lo scavalchi nella classifica dei dischi più venduti. Zero non è nuovo a questo tipo di affermazioni, già lo scorso anno durante un incontro coi suoi fan alla galleria ‘Alberto Sordi’ di Roma si era scagliato contro questo genere di programmi televisivi.

Peccato che il grande Renato predichi bene e razzoli male. Lui stesso, infatti, è stato ospite d’onore della scorsa edizione di ‘X-Factor’ e il figlio adottivo Roberto, proprio quest’anno, era tra i naufraghi dell’Isola dei Famosi’. Cosa non si fa per una marchetta in più.

 Giovanni Mercadante