Contraccezione maschile ad ultrasuoni. Infertilità garantita per sei mesi

Un nuovo tipo di contraccettivo maschile potrebbe, a breve, affiancare il preservativo.
Un team di ricercatori della University of North Carolina, guidati da James Tsuruta, infatti, sta mettendo a punto un procedimento basato su scariche di ultrasuoni sui testicoli. Gli esperimenti finora condotti evidenziano come una sola scarica possa interrompere la produzione degli spermatozoi per 6 mesi. In questo modo anche l’uomo avrebbe l’equivalente della pillola.

La bontà dell’idea e degli esperimenti finora condotti, ha convinto la fondazione di Bill e Melinda Gates, che avrebbe concesso un finanziamento di centomila dollari per portare avanti i test.

Inutile dire che questo tipo di contraccettivo non proteggerebbe da tutte quelle malattie che si contagiano attraverso i rapporti sessuali.

Marco Di Mico