Europei 2016, bocciata la candidatura dell’Italia

Il presidente della federcalcio Abete
Il presidente della federcalcio Abete

In attesa dell’assegnazione degli Europei del 2016 (in programma il prossimo 28 maggio a Ginevra), l’Uefa ha pubblicato sulla versione inglese del suo sito un comunicato attraverso il quale è emersa – tra le righe – la bocciatura: “In generale il settore della candidatura italiana relativo agli stadi è professionale e di standard ragionevole, sebbene in alcune aree i requisiti non vengano soddisfatti in pieno”. L’Uefa ha infatti evidenziato la necessità di “importanti investimenti a livello cittadino e specialmente a livello di stadi sarebbero necessari per ospitare” il primo Europeo a 24 squadre. Con la legge sugli impianti ferma da un anno, l’Italia sconta il disinteresse del governo, mai intenzionato a sostenere davvero la candidatura voluta dalla federcalcio. Sempre più favorita adesso la Francia di Platini e Sarkozy: il paese transaplino potrebbe infatti contare anche sui voti della Turchia.