Sabina Guzzanti a Cannes parla dello scontro tra cineasti italiani e il governo in carica

Sabina Guzzanti a Cannes in abito-sottoveste rosa ciclamino, ha portato sulla Croisette il suo Draquila e ha colto l’occasione per aprire un nuovo capitolo dello scontro fra i cineasti italiani «militanti» e il governo in carica.

«Lo sanno tutti come funzionano le cose in tv in Italia – ha detto la Guzzanti -, se lui vuole la Repubblica presidenziale è senz’altro un suo diritto, ma per averla non continui a inquinare il Parlamento con i suoi fisioterapisti e sovvertendo i principi costituzionali. Altro che, questa si chiama eversione e colpo di Stato». E dopo aver difeso Gianfranco Fini («chiunque dimostra come ha fatto lui rispetto per la costituzione merita a sua volta rispetto») ha anche ironizzato sul ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi, che ha dato forfait al festival proprio per prendere distanze dal suo film (e che secondo lei non era stato invitato: «mi hanno detto di non dirlo, ma io lo dico lo stesso: per lui non c’era nessun invito a Cannes»). «Mi sono detta – ha spiegato la regista -: se sono intelligenti fanno finta di niente vedendo Draquila. Invece attaccandoci ci hanno fatto solo pubblicità gratuita. Abbiamo pensato così anche di mandare a Bondi una cassa di Champagne. Una cosa davvero strana, perché tutto gli si può dire ma non che non siano competenti in quanto a comunicazione».

Bondi: «la vera prova di un’eventuale pubblicità si avrà con gli incassi al botteghino». Per quanto riguarda l’accusa lanciata dalla Guzzanti che dichiara che lui ha giudicato il film basandosi soltanto sulle sequenze trasmesse una settimana fa ad Annozero, il ministro ha detto: «L’ho visto, l’ho visto. Non parlo di cose che non ho visto»

Il commento della regista sull’accoglienza internazionale di Draquila, che racconta gli scandali e le illegalità che secondo la Guzzanti avrebbero segnato l’inizio della ricostruzione del capoluogo abruzzese, colpita dal terremoto nell’aprile dell’anno scorso, è positivo; «Il deterioramento della democrazia – ha detto – è un argomento che interessa tutte le popolazioni delle varie democrazie occidentali».

Luca Bagaglini