Carceri superaffollate. Napolitano e Alfano affrontano il problema

In occasione del 193esimo anniversario del corpo di Polizia Penitenziaria, Giorgio Napolitano è intervenuto sul problema delle carceri superaffollate: “è ormai ineludibile l’attuazione di interventi normativi e organizzativi per il superamento delle molte criticità ormai manifeste”.

Il Ministro della Giustizia Alfano ha sottolineato la gravità del problema utilizzando la freddezza dei numeri. Nelle carceri italiane ci sono 67.593 detenuti a fronte di una capienza massima di 44.218 posti .

Gli stranieri sono 24.910. Nel complesso, quelli condannati in via definitiva sono 36.001. Di questi 11.460 devono scontare una pena residua inferiore a un anno, mentre 1.493 sono gli ergastolani.

Alfano ha anche rilevato che “nell’anno appena trascorso si è registrata un’importante inversione di tendenza nel flusso di ingressi in carcere: il trend di crescita annuale rispetto al 2008 si è ridotto del 17% nel 2009 e del 62% nel 2010”.

Comunque non si è parlato delle eventuali norme con cui si pensa di risolvere il problema.

Marco Di Mico