Crisi europea. Euro ai minimi dall’aprile 2006

Anche questa notte alla borsa di New York l’euro ha toccato i minimi dell’aprile 2006. La nostra moneta è stata, infatti, scambiata a quota 1,2193 dollari. La caduta è causata dalle forti preoccupazioni per la crescita economica europea. A preoccupare è anche la stabilità del debito pubblico nei paesi dell’Eurozona.

Secondo Greg Salvaggio, della società Tempus Consulting, ci sarebbero particolari <<timori sulla possibilità di realizzare alcune misure di austerità in Grecia, Portogallo e Spagna>>.

Per l’ex presidente del Consiglio Romano Prodi <<il dollaro forte e un euro più debole ci favorisce. Sono abbastanza contento dell’indebolimento dell’euro>>. <<Il dollaro forte – ha spiegato Prodi a Otto e mezzo – non basta a risolvere la crisi però aiuta, perché noi siamo un Paese esportatore. Il primo problema è dunque oggi quello di esportare di più>>.

E’ proprio il caso di dire che non tutti i mali vengono per nuocere.

Marco Di Mico