Cannes, la palma d’oro va a ‘Uncle Boonmee’. Germano premiato ex aequo con Bardem

Elio Germano

Si è conclusa oggi la 63sima edizione del Festival di Cannes. La palma d’oro per il miglior lungometraggio è stata vinta dal thailandese Apichatpong Weerasethakul con ‘Uncle Boonmee’, mentre il premio della giuria è stato assegnato a ‘Un homme qui crie’ di Mahamat Saleh Haroun, il primo film africano presentato al prestigioso Festival da tredici anni. Il riconoscimento per la migliore sceneggiatura è andato invece a ‘Poetry’, di Lee Dong, mentre Juliette Binoche si è aggiudicata quello per la migliore interpretazione femminile per ‘Copia conforme’, del regista iraniano Abbas Kiarostami. Una soddisfazione, poi, anche per l’Italia. Elio Germano, protagonista de ‘La nostra vita’ di Daniele Lucchetti -unico italiano in concorso- ha ottenuto la palma di migliore attore ex aequo con lo spagnolo Javier Barden, interprete di ‘Biutiful’ di Alejandro Gonzalex Inarritu. “Dedico questo premio -ha dichiarato Elio Germano- agli italiani, che sono migliori della loro classe dirigente”.

Tatiana Della Carità