Gli Usa sostengono la Corea del sud e invitano Pyongyang ad abbandonare i comportamenti belligeranti

Barack Obama

Il governo degli Stati Uniti interviene nella controversia scattata tra le due Coree a seguito dell’affondamento della corvetta Cheonan. Il portavoce della Casa Bianca Robert Gibbs ha infatti dichiarato che gli Usa approvano pienamente la posizione del presidente sudcoreano Lee, che chiede che la Corea del Nord si scusi, punisca i responsabili dell’attacco e soprattutto metta fine al suo “comportamento belligerante e minaccioso”. Il sostegno statunitense per la difesa della Corea del sud è inequivocabile -ha sottolineato Gibbs- Il presidente Barack Obama ha ordinato ai suoi comandanti militari di coordinarsi strettamente con le loro controparti sudcoreane per impedire future aggressioni”.
In un comunicato lo stesso Obama in un comunicato ha definito “totalmente appropriate” le misure decise dalla Corea del sud contro Pyongyang e ha confermato la disponibilità degli Stati Uniti a sostenere Seul nell’azione di difesa del paese.

La Corea del sud intanto ha annunciato che, oltre a richiedere all’Onu l’adozione di sanzioni contro la Corea del nord, avvierà presto un programma di esercitazioni militari in funzione anti-sommergibile. Il ministro della Difesa Kim Tae-Young ha inoltre dichiarato il bando alla navigazione nelle acque della Corea del sud per i battelli nordcoreani.

Tatiana Della Carità