Tremonti: non è una finanziaria qualsiasi

“Questa non è una finanziaria qualsiasi. Dobbiamo gestirla tutti insieme”. Così il ministro dell’Economia Giulio Tremonti durante il primo incontro a Palazzo Chigi, con gli Enti Locali e le Regioni, che apre il confronto formale sulla manovra che proseguirà con le parti sociali.

Il governo con la manovra intende tornare ai criteri rigorosi del 1988. Per questo sta varando una manovra correttiva, da almeno 24 miliardi di euro nel prossimo biennio. E nessuno, compreso Gianni Letta, nasconde che si tratti di un intervento ”duro, con sacrifici pesanti”. Seppure, si speri, temporanei. Ai dipendenti pubblici gli stipendi saranno congelati per tre anni.

Le indicazioni del presidente della Repubblica esortano “sacrifici retribuiti con equità fra i cittadini”. Raccomandazioni che lo stato maggiore del Pdl afferma di aver accolto.

Marco Di Mico