Jimi Hendrix, casa di Londra diventa museo dal 25 agosto al 7 novembre

Il nome dell’indimenticabile chitarrista Jimi Hendrix torna alla ribalta grazie ad un’iniziativa mirabile messa in atto dalla città di Londra.

L’artista statunitense è stato il simbolo di intere generazioni di ragazzi cresciuti al ritmo del suo rock e blues. Uno dei più grandi innovatori nell’ambito della chitarra elettrica, un’icona mondiale per tutti coloro che hanno sognato di suonare un giorno una Fender Stratocaster proprio come lui.

La capitale britannica aprirà le porte della sua vecchia casa londinese in modo da permettere ai suoi tantissimi ammiratori di visitarla.

Contemporaneamente verrà allestita anche una mostra assai completa con foto, video, e oggetti appartenuti all’artista. Esposizione che “cavalcherà” l’intera carriera di Jimi, breve ma molto intensa.

La mostra avrà come protagonisti anche altri illustri personaggi che hanno segnato il mondo della musica al pari del chitarrista nero originario di Seattle.

Proprio in queste settimane è attesa l’uscita del dvd The Story Of The Lost Sex Tape e ora, in occasione dei 40 anni dalla morte del chitarrista, è stato deciso che verrà aperto al pubblico anche lo “storico” appartamento dove Jimi Hendrix visse a Londra.

L’indirizzo londinese del mitico Jimi è il n. 23 di Brook Street dove visse nel 1968. La casa però spalancherà le sue porte ai fans soltanto per un breve periodo dal 25 agosto al 7 novembre.

L’appartamento del leggendario Jimi ha le pareti in comune niente meno che con il museo dedicato al compositore tedesco naturalizzato inglese Georg Friedrich Handel, uno dei più grandi musicisti del 1700 in piena epoca barocca.

Antico e moderno curiosamente vicini di casa!

La dimora inglese di Hendrix, in tutti questi decenni, è stata quasi sempre chiusa al pubblico, salvo rarissime eccezioni. Ora grazie a questa encomiabile iniziativa si dà la possibilità a tutti gli ammiratori di varcare la soglia della casa e vedere le pareti, i soffitti, le stanze dove il più grande chitarrista di tutti i tempi ha suonato quel sound meraviglioso ed inconfondibile.

Magari chiudendo gli occhi e respirando l’aria di quella casa si potrà sentire ancora per una volta riecheggiare l’assolo della sua esibizione in chiusura del concerto di Woodstock mentre suona l’inno degli Stati Uniti in modo provocatoriamente distorto e che lo ha reso celebre in tutto il mondo.

Grazie a questa imperdibile iniziativa in onore del talentuoso Jimi, il musicista tornerà di nuovo a riempire di magia le strade grigie di Londra. Dunque se vi troverete di passaggio per la capitale inglese, non dimenticate di visitare la mostra Hendrix in Britain, che include oggetti, vestiti e testi di alcune sue canzoni.

Affrettatevi e ricordate che avrete tempo solo fino a novembre per vivere un’esperienza unica ed indimenticabile.

Fabio Porretta