Al-Qaida annuncia la morte del suo capo in Afghanistan

Mustafa Abu al-Yazid

Nelle prime ore di questa mattina Al-Qaida ha annunciato la morte di Mustafa Abu al-Yazid, il capo dell’organizzazione in Afghanistan. Yazid era di nazionalità egiziana ed era noto anche con lo pseudonimo di al Masri. L’uomo, cognato di Osama bin Laden, è stato uno dei fondatori del gruppo terroristico ed era considerato il n.3 della stessa Al Qaida: era inoltre responsabile delle operazioni qaidiste in Afghanistan e, almeno secondo fonti americane, avrebbe ricoperto anche il ruolo di tesoriere. L’Fbi infatti sostiene che l’uomo abbia trasferito fondi, via Dubai, a Mohammed Atta, Marwan al Shehhi e Wal al Shehri, tre dei responsabili dell’attentato compiuto alle Torri Gemelle di New York e al Pentagono di Washington l’11 settembre del 2001.

Secondo quanto comunica in queste ore l’intelligence degli Stati Uniti, Yazid sarebbe stato ucciso la settimana scorsa in una zona tribale del Pakistan: con lui sarebbero morti anche la moglie, tre dei suoi figli e suo nipote.

Tatiana Della Carità