Israele blocca la nave della pace irlandese, nessuno scontro nè feriti

    Il battello di attivisti filopalestinesi Rachel Corrie, diretto verso la Striscia di Gaza, è stato intercettato dalla Marina israeliana 35 miglia al largo delle coste. Lo rende noto un portavoce del gruppo di attivisti. La notizia è stata confermata anche dai gruppi Facebook e Twitter dell’ imbarcazione irlandese, nei quali si legge che non ci sono stati né scontri né feriti.

    Secondo quanto riferisce un membro del gruppo Freegaza, Greta Berlin, la marina israeliana avrebbe seguito l’imbarcazione irlandese. Un giornalista di Al Jazeera, che si trovava a bordo della nave irlandese, ha detto di aver visto le navi israeliane accanto alla Rachel Corrie. “Ci stanno seguendo – ha affermato -, Non ci sono scontri”. “Diversi scafi hanno accerchiato la Rachel Corrie – è la testimonianza di Amjad al-Shawa, portavoce del comitato che avrebbe dovuto accogliere gli attivisti filopalestinesi a Gaza – in una zona situata tra le 30 e le 35 miglia al largo delle coste di Gaza”. L’esercito israeliano non ha ancora confermato l’accaduto. I gruppi Facebook e Twitter stentano a fornire notizie per l’ impossibilità di comunicare con i passeggeri a bordo della nave