Crisi economica, lavoro giovani donne e sud sono le soluzioni

Lavoro giovani donne Sud. Quattro parole importanti per il futuro del nostro paese. Quattro parole che potrebbe unire l’Italia e riaccedere una prospettiva di crescita per tutti. Quattro parole non in agenda. Non in quella del governo, ossessionato da altre parole come riduzione delle tasse, federalismo fiscale, tagli della spesa pubblica e miniaturizzazione dello stato. Ma neppure in quella dell’opposizione, che sembra coltivare l’ afasia o al più la doppiezza linguistica: al Nord alcune parole, al Sud altre.

“Senza parole non c’è politica” scrive a ragione Gianfranco Viesti nel suo fresco libricino Più lavoro, più talenti appena pubblicato dalla Donzelli. Sulle parole la sinistra ha costruito nel secolo scorso imponenti processi di mobilitazione sociale, consenso politico e partecipazione popolare. Il benessere degli italiani è cresciuto molto grazie a quelle parole mobilitanti del nostro riformismo. Da più di un decennio, il centrosinistra è però al palo, sfiduciato, incapace di offrire profezie credibili, parole senza retorica. Non a caso l’Italia è ferma, se non in declino.

Per ripartire ci vogliono le parole giuste, slancio, vista lunga e ragionevole ottimismo. C’è bisogno di più lavoro e di lavori di migliore qualità. Maggiore occupazione implica più reddito, più consumi, più entrate fiscali, più benessere sociale. In Italia lavorano comparativamente molto meno persone rispetto agli altri paesi europei. I giovani e le donne sono i soggetti più penalizzati con livelli di occupazione davvero esigui, soprattutto nel Mezzogiorno. Troppi giovani scolarizzati non hanno mai trovato un lavoro; tanti altri sono costretti a lunghe, interminabili esperienze di precarietà, di bassi salari, di convivenza forzata con i genitori. Molti dei più qualificati devono emigrare in paesi più accoglienti. A troppe ragazze è negata la piena autonomia per il lavoro che non c’è. Bisognerebbe allora ripensare i meccanismi di funzionamento della nostra economia, avviare, come suggerisce Viesti, una “manutenzione straordinaria” del nostro capitalismo, non piccoli aggiustamenti. Osare mete più ambiziose, mettere a tema la piena occupazione, rafforzare e non indebolire la scuola e l’università, i luoghi/tempi dove si formano capitale umano e qualità civili, ritornare a considerare Nord e Sud come segmenti complementari di un grande paese unitario.

La sinistra italiana dovrebbe uscire dal lungo letargo, trovare le parole giuste per una nuova narrazione credibile e darsi obiettivi ambizioni, adeguati al rischio di collasso della nostra società nazionale. La ripresa italiana costringe a fare i conti con il Mezzogiorno. Perché è nel Sud che si annidano le più importanti potenzialità di sviluppo; perché è nel Sud che si addensano le maggiori criticità sociali e istituzionali. Una rozza costruzione politica intenzionale della Lega ha fatto sì che Sud sia diventata oggi una parola impronunciabile, totem della quintessenza dei mali del paese: strato cronicizzato di mafie, corruzione, familismo, illegalità, sprechi. Un aggregato geografico ed umano a sé, refrattario al civismo e allo sviluppo; un pezzo d’Italia che dilapida imponenti risorse pubbliche prodotte al Nord. Questo “teorema Mezzogiorno”, come lo chiama efficacemente Viesti, seppure ha conquistato buona parte delle élite dirigenti nazionali e degli italiani, anche del Sud, è palesemente falso, basato cioè su affermazioni senza fatti, prive di evidenze empiriche. E’ un teorema che giustifica il saccheggio sistematico da parte del governo di risorse finanziarie destinate al Sud e la secessione culturale strisciante.

Ovviamente il Sud non è il migliore dei mondi possibili: la sanità, la giustizia civile, i trasporti, la scuola funzionano peggio che al Nord. Il Sud però non è un’area altera, deviata, polarmente contrapposta al Nord, bensì il segmento debole di un paese occidentale alquanto debole; un’area dove il deficit di servizi pubblici è più accentuato e i diritti elementari di cittadinanza più calpestati.

Il Sud soffre in maniera più radicale i mali dell’intera Italia: bassa crescita, bassa occupazione, basso investimento nei giovani e nelle donne, bassa disponibilità di beni pubblici, inefficienza amministrativa, modestia delle classi dirigenti. Il Sud non è dunque “il” problema dell’Italia contemporanea. Il problema è l’assenza di politica alta, di immaginazione, di fiducia in un paese diverso: più equo e unito, più aperto e coeso. Il problema è trovare parole diverse. Di credere, come chiude il suo libro Viesti, “che i giovani, le donne, il Mezzogiorno non sono il problema ma la possibile soluzione”.

Domenico Cersosimo – Eticaeconomia