La Rai tira la cinghia. A rischio anche ‘Porta a Porta’

Bruno Vespa conduttore di 'Porta a Porta'

La ‘terza camera del Governo‘ rischia grosso. Secondo il piano salva bilancio che la Rai sta approvando in questi giorni, sembra che oltre alla Dandini, Fazio, Saviano, Setta e Bertolino, il prossimo a rischiare sia Bruno Vespa. Si vocifera un eventuale dimezzamento settimanale del suo programma ‘Porta a Porta’, che andrebbe a coprire non più 4 ma bensì solo 2 serate a settimana se non addirittura solamente una, dati gli ascolti insoddisfacenti delle ultime puntate. In più incombe lo speciale di Giovanni Minoli sui 150 anni dall’unità d’Italia che potrebbe benissimo giustificarne il dimezzamento.

Se  dunque Di Bella (direttore di Rai 3) è pronto a dimettersi qualora il programma ‘Vieni via con me‘ , di Fazio e Saviano dovesse essere tagliato, non osiamo immaginare quale sarebbe la reazione di Bruno Vespa. Come finirà? Martedì 8 giugno è prevista la votazione dei palinsesti, ma alcuni consiglieri Rai vorrebbero far slittare la data, tra una settimana la ‘Sipra’ (concessionaria Rai per la pubblicità) dovrà vendere i palinsesti agli inserzionisti (si parla di 1,5 miliardi di euro), manca dunque davvero poco per scoprire come andrà a finire.

Giovanni Mercadante