Tragedia a Bari, scoppia una cisterna. Un morto e 4 feriti

Si è verificata ieri una violenta esplosione mentre erano in corso lavori di manutenzione in un serbatoio dell’azienda farmaceutica Sanofi Aventis, nella zona industriale di Brindisi. La deflagrazione del coperchio del serbatoio ha scaraventato a parecchie decine di metri il corpo di un operaio di 40 anni, Cosimo Manfreda, che si è schiantato contro un altro serbatoio ed è morto sul colpo. La tragedia si è consumata in un arco di tempo brevissimo e, insieme a Manfreda sono stati coinvolti tre suoi colleghi dipendenti della società brindisina Cof, che hanno riportato gravi ustioni e sono in gravi condizioni; un altro operaio, dipendente della Sanofi Aventis, era in zona al momento dello scoppio ma fortunatamente ha riportato solo lievi ferite (è stato medicato e subito dimesso). L’incendio provocato dall’incidente non ha espulso scorie tossiche ed è stato subito domato. L’assessore pugliese alla Protezione civile, Fabiano Amati, in una nota spiega che lo scoppio è avvenuto durante opere di saldatura di una cisterna, ed esprime profondo rammarico e tristezza per il lavoratore deceduto e per i quattro feriti.

Paolo Battisti