Marea Nera, accusati forti malori tra i dipendenti addetti alle opera di ripulitura dal greggio

Allarme sicurezza nelle regioni costiere del Golfo del Messico colpite dalla marea nera. 71 pescatori assunti dalla British Petroleum per ripulire le acque infestate dal petrolio hanno accusato una serie di malori come conseguenza dell’esposizione al greggio e ai solventi chimici utilizzati. I pescatori hanno accusato forti mal di testa, vertigini, nausea e difficoltà respiratorie. Otto di loro sono stati ricoverati in ospedale e dimessi un giorno dopo. Una loro delegazione si sta adoperando affinché il governo federale appronti delle cliniche mobili che siano in grado di affrontare le urgenze sul posto. Altri hanno accusato la British Petroleum di non aver avuto un equipaggiamento di protezione adeguato. Di contro, la compagnia petrolifera ha negato di aver ricevuto comunicazioni di malori tra i suoi dipendenti. Il timore è che tanti pescatori evitino di denunciare i loro problemi di salute perché, dopo la chiusura della pesca, le operazioni di pulizia del petrolio nell’Oceano rappresentano l’unico modo per sostentarsi economicamente.

Paolo Battisti