Torino, maxi sequestro di mozzarelle blu

Settantamila mozzarelle sono state sequestrate dai Carabinieri del Nas di Torino presso una importante piattaforma della grande distribuzione che rifornisce numerosissimi discount del nord Italia. Tutto ha avuto inizio dalla denuncia di una donna di Torino che aveva osservato un incredibile fenomeno, ripreso con un telefonino: all’atto dell’apertura, una mozzarella aveva rapidamente mutato colore assumendo una impressionante pigmentazione blu. Il prodotto proveniva da uno stabilimento industriale tedesco. Gli uomini del Nas hanno scoperto inoltre che, a seguito di numerose altre segnalazioni analoghe a quella da loro raccolta, l’importatore e distributore italiano aveva avviato il “richiamo” del prodotto, dopo aver contestato l’incredibile fenomeno ai propri fornitori d’oltre frontiera. Si ignorano al momento le cause della mutazione del colore delle mozzarelle al contatto con l’ossigeno. Alcuni campioni del prodotto sono stati depositati per le analisi microbiologiche e chimiche, rispettivamente presso i laboratori dell’istituto zooprofilattico di Torino e del Centro antidoping del San Luigi Gonzaga di Orbassano. Al momento non vi sono elementi per configurare ipotesi di reato, che potrebbero invece emergere nel momento in cui i prodotti alimentari risultassero essere inquinati da sostanze tossiche o da forti cariche batteriche. L’intera partita di mozzarelle tedesche è stata rintracciata e bloccata e non sussiste alcuna possibilità di ritrovarne in commercio.

Emiliano Stefanelli