Mar Morto, panorami unici e suggestivi, uniti alle qualità benefiche delle acque

Nonostante il nome non sia proprio il massimo della vita, quello del Mar Morto è sicuramente uno dei posti più spettacolari ed unici del mondo.

La regione del Mar Morto, a dispetto del nome che porta, è invece assolutamente ricchissima di vita ma limitatamente alle sue coste che sono caratterizzate da una rigogliosa vegetazione.

Le acque del suo mare sono famose in tutto il mondo per essere ricche di minerali.

Sotto il livello del Mar Morto, a ben 400 metri di profondità si sprigionano le sorgenti termali che presentano molteplici proprietà curative, così come il famoso fango nero dalle innumerevoli doti terapeutiche.

Il Mar Morto ha una caratteristica unica, è infatti il punto più basso della Terra, esattamente 417 metri sotto il livello del mare, e la quantità di acqua che evapora è maggiore rispetto a quella che vi affluisce, così da aver determinato la più alta concentrazione salina al mondo, 340 g per ogni litro d’acqua.

Ed è proprio per questa altissima concentrazione salina che è stato denominato Mar Morto, visto che la sua elevata salinità impedisce l’esistenza di qualunque forma di vita acquatica, ma è anche vero che tale caratteristica la fa diventare un luogo estremamente salutare per tutti i suoi visitatori.

I turisti, infatti, potranno beneficiare delle sue proprietà curative, tant’è che è denominato anche come “le terme salutari più profonde del mondo”.

I suoi sali marini vengono utilizzati per curare varie problematiche legate alla salute. La composizione di sali e minerali presente nell’acqua è di grande sollievo per il corpo.

Altra peculiarità che rende il Mar Morto un posto unico e suggestivo è rappresentata dal letto del lago, che possiede depositi di fango nero facile da applicare sul corpo, e che apporta alla pelle importanti principi nutrienti.

Tale meta turistica è consigliabile soprattutto, a chi è affetto da patologie relative alla pelle e alle ossa. Per tutte le persone affette da problemi dermatologici, come psoriasi, patologie analoghe e coloro che soffrono di dolori articolari, dovuti  anche ad infortuni nello sport, artrite e reumatismi; il Mar Morto è il posto ideale per passare le proprie vacanze.

Il Mar Morto è il culmine del deserto di Giudea, una regione calda ai piedi della rupe di Ha-He’etekim. La costa è ricca di sorgenti circondate dalle piante selvatiche.

La particolare combinazione tra deserto ed oasi ricche di acqua, piante e animali, rende la regione un’autentica rarità di bellezza paesaggistica, piena di luoghi meravigliosi come il monte Sdom, la riserva naturale di Ein Gedi e la riserva di Einot Tsukim.

Accanto agli incantevoli scorci scenografici rappresentati dalla natura, la regione del Mar Morto presenta innumerevoli siti di grande valore archeologico, tra cui la fortezza di Massada, l’antica Ein Gedi e le caverne di Qumran, dove vennero rinvenuti i rotoli del Mar Morto.

La regione di Nord-ovest del Mar Morto, da secoli è anche meta di pellegrinaggi per i Cristiani, in particolare durante il periodo di Pasqua.

Da qui, si dirigono verso il Giordano, luogo del battesimo di Gesù. Inoltre, un tour sul Mar Morto non è completo senza la visita ai monasteri costruiti tra le rocce della valle.

Nel IV secolo l’ascetismo era una pratica molto in uso tra i Cristiani. In molti decidevano di vivere nella miseria e nell’umiltà come Gesù, di consacrare la propria esistenza a Dio.

Il deserto della Giudea divenne così  la dimora ideale per molti monaci. Conseguentemente furono costruite fantastiche dimore, spesso ricavate nelle pareti delle rocce desertiche. Fra queste ricordiamo, i monasteri di St. George, Quruntul, Khozeba e Mar Saba.

Mar Morto, un luogo adatto a tutti coloro che vogliono curarsi qualche “acciacco” ma desiderano farlo in un posto unico al mondo, suggestivo, con una natura tutta particolare e ricco di storia e spiritualità.

Fabio Porretta