Cannabis, il THC inibisce crescita del cancro orale

Syracuse, NY: La somministrazione dei cannabinoidi delta-8-THC e Delta-9-THC inibisce la respirazione cellulare e la crescita tumorale in cellule umane di cancro orale, secondo i trial preclinici pubblicati nel numero di giugno della rivista Pharmacology.

Gli investigatori alla State University di New York (SUNY), Upstate Medical University di Syracuse hanno valutato le proprietà anticancro di delta-8-THC e Delta-9-THC sulla linea di cellule tumorali Tu 183 del cancro orale umano, che è altamente resistente ai farmaci antitumorali convenzionali .

I ricercatori hanno evidenziato che la somministrazione di THC ha portato ad un “rapido declino” della respirazione cellulare nelle cellule maligne. Per contro, ricercatori hanno trovato che la somministrazione del cannabinoide endogeno anandamide è stato “inefficace” come agente antitumorale.

“Questi risultati mostrano che i cannabinoidi sono potenti inibitori della respirazione cellulare nel Tu183 e sono tossici per questo tumore altamente maligno”, hanno concluso i ricercatori.

L’anno scorso, i ricercatori della Brown University di Providence, Rhode Island hanno riferito che a lungo termine un uso moderato di marijuana negli esseri umani “è stato associato ad una significativa riduzione del rischio di tumori a cellule squamose della testa e del collo”.

Una revisione scientifica del 2008 pubblicata sulla rivista Cancer Research ha riportato che i cannabinoidi inibiscono la proliferazione di una vasta gamma di tumori, tra cui il cancro al cervello, il cancro alla prostata, il tumore al seno, il tumore al polmone, il cancro della pelle, il cancro al pancreas, e il linfoma.

Traduzione a cura di Francesco Crestani, medico chirurgo e presidente dell’ Associazione Cannabis Terapeutica