F1 – GP d’Europa: Vettel conquista la pole

Il Poleman del GP d'Europa, Sebastian Vettel (Red Bull) con il secondo, Mark Webber (Red Bull), e il terzo, Lewis Hamilton (McLaren)

Sarà Sebastian Vettel domani a partire dalla pole position del Gran Premio d’Europa che si corre a Valencia. La prima fila è completata dal suo compagno di squadra, Mark Webber, che ha subito un distacco di appena settantacinque millesimi di secondo a conferma della superiorità del team. La Red Bull, partita svantaggiata sulla carta, ha saputo sfruttare al meglio gli aggiornamenti disponibili, tra cui figura una versione particolare dell’F-Duct.

Il tedesco ha fatto segnare il record del circuito (1’37”587’”), lasciando i maggiori inseguitori piuttosto distanti. Hamilton, con la sua McLaren, partirà appaiato a Fernando Alonso, mentre Massa con l’altra Ferrari prenderà il via dalla terza fila, insieme a Kubica. Il polacco è stato incapace di ripetere l’ottima prestazione della prima sessione di qualifiche, avendo avuto problemi con le gomme.

Nella top ten sono rientrate a sorpresa le due Williams di Hulkenberg e Barrichello, ottavo e nono con lo stesso identico tempo sul giro, che seguono uno spento Button: l’inglese Campione del Mondo in carica non sembra adatto allo stile del tracciato.

Col decimo tempo si è classificato Petrov, con l’altra Renault.

Ci sono parecchi delusi dopo queste Qualifiche: innanzitutto la Mercedes GP, che non è stata in grado, nonostante gli aggiornamenti portati, di mettere davanti i suoi piloti, con Rosberg che si è piazzato al dodicesimo posto, mentre Schumacher, debuttante sul circuito cittadino spagnolo, non è andato oltre una misera quindicesima piazza. Anche le Force India non sono state capaci di ripetere l’ottima prestazione della mattinata, causa aumento della temperatura dell’asfalto, che ha messo in difficoltà i loro pneumatici. Sutil e Liuzzi partiranno, infatti, dal tredicesimo e quattordicesimo posto in griglia.

Domani alle 14:00 si spegneranno i semafori di un Gran Premio che si prospetta lungo e piuttosto noioso, a causa della difficoltà di effettuare sorpassi in questo tracciato.

Alessia Anselmo