Afghanistan, attacco dei talebani alla sede di una ong statunitense. 11 le vittime

La notte scorsa in Afghanistan sei talebani hanno sferrato un attacco alla sede della ong statunitense Development alternatives inc a Kunduz City. Un kamikaze si è fatto esplodere davanti alla struttura, permettendo così agli altri di penetrare nell’edificio, dove un secondo attentatore suicida di è fatto esplodere. Nel corso dell’azione 11 persone, tra cui un cittadino tedesco, uno britannico e uno filippino, hanno perso la vita e almeno altre 30 sono rimaste ferite. Fonti della polizia provinciale comunicano che i sei membri del commando sono morti in seguito ad uno scontro a fuoco durato più di quattro ore. Zabihullah Mujahid, portavoce dei talebani -che hanno rivendicato l’attentato- ha precisato che l’azione si può considerare come il loro “benvenuto al generale David Petraeus“, nuovo comandante della Forza internazionale di assistenza alla sicurezza.

Tatiana Della Carità