Aerosmith star dell’Heineken Jammin’ Festival

Saranno gli Aerosmith, di nuovo on the road dopo le vicissitudini private di Steven Tyler e le liti con Joe Perry, le star della nuova edizione dell’Heineken Jammin’ Festival, che torna al parco San Giuliano di Mestre per quattro giorni da oggi fino a martedì sei luglio.

Davvero ricco il cartellone che ha come headliner del quattro luglio i Green Day, che nel 2005 all’Heineken suonarono una tappa memorabile del tour di ‘American Idiot’, l’album capolavoro che li ha portati a Broadway e che sono ormai dei protagonisti assoluti della scena pop rock mondiale. Mentre il cinque saranno di scena I Black Eyed Pies, la band che, insieme a Jay Z, ha definito il suono contemporaneo nell’ambito dell’hip hop e del pop, non solo per lo straordinario successo mondiale e per la formidabile capacità di stare sul palco, ma anche per il lavoro di produzione dei suoi componenti (lavorare con Will I.Am è ormai una garanzia di successo) e per il loro impegno sociale.

La chiusura del sei luglio è affidata ai Pearl Jam, leggenda della scena di Seatlle, in un concerto che sta richiamando a Mestre I fan da tutta Italia e che segna il loro ritorno al Parco san Giuliano, dopo la sventurata cancellazione del concerto del 2007 causata da una tromba d’aria. Il cartellone non si esaurisce con gli show degli headliner: in tutto saranno 45 i concerti proposti dall’evento organizzato da Live Nation, promosso da Heineken Italia, ospitato dal Comune di Venezia e giunto alla dodicesima edizione Domani oltre agli emergenti italiani La Fame di Camilla e Plan De Fuga, ci saranno I gallesi Stereophonics e I Cramberries, la band irlandese di Dolores O’ Riordan. Domenica, dopo i Bastard Sons of Dioniso, la band lanciata da X Factor e i Rise Against, ci saranno gli ottimi Editors e i Thirty Seconds to Mars, la band guidata da Jared Leto, che, bontà sua, quando non è impegnato con il gruppo fa la star a Hollywood. Lunedì saranno Airys, che è lo pseudonimo di Syria, e I Club Dogo ad aprire il programma che prevede in sequenza il rock-hi hop dei N.E.R.D., I Cypress Hill, bandiera dell’hip hop anni ’90, e I Massive Attack, cult assoluto del trip hop, un vero e proprio marchio di fabbrica musicale.

Per la giornata conclusive si alterneranno sul palco I Gomez, una delle band più importanti del rock made in Britain degli anni ’90, gli Skunk Anansie, la band di Skin che si è riformata dopo otto anni ed è in tour da quasi un anno e Ben Harper, una delle personalità di maggior spicco del rock americano di matrice black degli ultimi anni con I suoi Relentless 7.

Fonte: Ansa