Coppa del Mondo 2010: in Uganda un duplice attentato tra gli spettatori della finale causa 64 morti

Kampala, 12 lug. (Ap) – Strage a Kampala, capitale dell’Uganda, in due locali dove erano riunite centinaia di persone per assistere alla finale dei Mondiali: almeno 64 persone sono state uccise dall’esplosione quasi simultanea di due potenti ordigni, il primo in un rugby club con un maxischermo, l’altro in un ristorante etiope. I feriti sono oltre 60. Si sarebbe trattato, secondo le prime ricostruzioni, di due attentati kamikaze. Secondo la polizia ugandese la responsabilità è da attribuire alle milizie estremiste islamiche della Somalia, Al-Shabab, che hanno legami con Al Qaida. L’ambasciata Usa a Kampala riferisce di un cittadino americano ucciso e tre feriti; la vittima sarebbe un diciottenne.

Apcom