P3, il presidente della Corte di Milano Marra non si presenterà davanti al Csm

Il presidente della Corte di Milano, Alfonso Marra, ha comunicato al Csm che lunedì non sarà presente all’audizione disposta nei suoi confronti dopo il coinvolgimento nell’inchiesta nella cosiddetta P3 che ha portato l’organo di autogoverno dei magistrati ad avviare una procedura di trasferimento di ufficio per incompatibilità ambientale a suo carico. Nella comunicazione inviata alla Prima Commissione, a quanto si apprende, Marra non specificherebbe le ragioni per le quali non si presenterà davanti ai consiglieri di Palazzo dei Marescialli. Già ieri la Commissione aveva respinto la richiesta di rinviare l’audizione, avanzata dal difensore di Marra, l’ex pm di Mani Pulite, Pier Camillo Davigo, decidendo così di andare avanti con la procedura di trasferimento di ufficio nonostante a carico di Marra anche il pg della Cassazione abbia avviato un’azione disciplinare. Lunedì, quindi, la Prima Commissione dovrà decidere il da farsi: se procedere al deposito degli atti dell’inchiesta finora acquisiti o rinviare la pratica al nuovo Csm, quello che insedierà alla scadenza di quello attuale, prevista a fine luglio. Proprio quest’ultima soluzione, stando ad un orientamento finora prevalente a Palazzo dei Marescialli, dovrebbe essere quella da adottare.

Fonte: Apcom