Stati Uniti, Pandora, la web radio americana che trasmette musica è ascoltata da 60 milioni utenti

La Web radio americana Pandora (che programma playlist di canzoni “personalizzate” in base agli input e alle preferenze espresse dagli ascoltatori, utilizzando un sistema proprietario di raccomandazione), ha raggiunto la invidiabile quota di 60 milioni di utenti attivi negli Stati Uniti. Il dato, rivelato dal fondatore dell’impresa Tim Westergren nel corso del New Music Seminar di New York, mostra una progressione sostenuta e costante rispetto ai risultati conseguiti nel dicembre del 2009 (40 milioni di utenti) ma anche rispetto allo scorso mese di aprile (quando gli utenti erano saliti a 50 milioni), e si lega principalmente al recente sviluppo di applicazioni per telefonia mobile compatibili con tutti i più diffusi dispositivi portatili in commercio (iPhone, BlackBerry, smartphones Android). Lo scorso anno la società ha generato ricavi per 50 milioni di dollari, pagando 30 milioni di dollari in royalties ai fornitori di contenuti; il responsabile tecnico del sito, Joe Kennedy, calcola in 10 milioni di dollari l’indotto generato a beneficio dell’industria discografica e dei negozi on-line, sotto forma di spinta all’acquisto di musica in download. Westergren aggiunge che dei 90 mila artisti presenti sul servizio, l’80 % sono stati ascoltati almeno una volta dal pubblico della Web radio. Pandora, come noto, non è attualmente disponibile al di fuori degli Stati Uniti per motivi contrattuali e di licenze (l’accesso al servizio da parte di cittadini di altri Paesi è stato chiuso a partire dal maggio del 2007).

Rockol.it