Montagna, l’habitat ideale contro lo stress da troppo lavoro

    Montagna batte mare quanto ad ambientazione ideale per una vacanza che cancelli lo stress accumulato durante un lungo anno di lavoro. Lo confermano gli studi scientifici di cui parlera’ Eeva Karjalainen del Finnish Forest Research Institute di Metla (Finlandia) in occasione del 2010 Iufro (International Union of Forest Research Organizations) World Forestry Congress, in programma a fine agosto a Seoul in Corea del Sud.

    “Molte persone – dice l’esperta al ‘New Scientist’ – si sentono rilassate quando si immergono nella natura. Ma pochi sanno che esistono solide evidenze scientifiche che confermano gli effetti benefici del verde sul nostro umore”. Le foreste in particolare, e tutti gli ambienti verdi in generale, sono infatti in grado di ridurre lo stress, migliorare l’umore, ridurre la rabbia e l’aggressività, rendendo le persone piu’ felici. L’effetto è persino visibile sul sistema immunitario: aumenta l’attivita’ e il numero di cellule cosiddette ‘natural killer’ in grado di uccidere le cellule cancerose.
    Infine e’ stato verificato che, se si trascorrono le vacanze in montagna o dovunque il verde regni incontrastato, la pressione sanguigna, il battito cardiaco, la tensione muscolare e il livello di ormoni dello stress diminuiscono. Insomma, assicura Karjalainen, la natura e’ la terapia migliore per tantissimi disturbi: non bisogna dimenticare che i farmaci piu’ prescritti sono tutti a base di sostanze che essa ci regala. Un esempio su tutti il taxolo, utilizzato contro alcune forme di tumore, o lo xilitolo, una sostanza anti-carie, entrambi derivati dalla corteccia degli alberi.
    Il consiglio e’ dunque prediligere mete verdi per le proprie ferie e “preservare le aree metropolitane con alberi e piante per mantenere il benessere anche in citta’”, conclude la studiosa.
    Adnkronos