Sciopero bianco in Grecia, Telefono blu chiede intervento del Governo e del ministro Brambilla

“Le dimensioni del “grave disastro turistico” prodotto dal fallimento della ‘Viaggi del Ventaglio’ sono veramente enormi e  le istituzioni non possono fare a meno di occuparsene.” Con questa dichiarazione, il presidente dell’associazione Telefono Blu, Pierre Orsoni, mette in guardia il Governo sulle possibili conseguenze derivanti da questo fallimento e sollecita l’intervento del ministro del Turismo,  Michela Brambilla, per fronteggiare adeguatamente questa nuova batosta caduta sul Bel Paese

Dopo il clamoroso “crac” dichiarato dal famoso Tour Operator fondato da Bruno Colombo oltre trenta anni fa, sono sfumate subito migliaia di vacanze in tutto il mondo e sono già centinaia e presto diventeranno migliaia anche i turisti che si accingeranno a presentare ricorso per il risarcimento dei danni attraverso le varie sedi e gli uffici legali del Telefono Blu (www.telefonoblu.it)  presenti in tutta l’Italia.

“Per questo motivo – dichiara ancora Pierre Orsoni – occorre  l’immediato intervento del Governo e del ministro Brambilla  per affrontare e redimere, insieme alle associazioni del settore, il problema posto dalla “Ventaglio Viaggi” nell’interesse del sistema turistico nazionale e di tutti i consumatori del turismo.”

Allo stesso tempo l’associazione invita tutti i turisti consumatori a rivolgersi a lei www.telefonoblu.it o al centralino nazionale o ai centralini regionali per denunciare eventuali mancate comunicazioni da parte delle autorità predisposte ,e ai tour operat , alle compagnie aeree . in caso di mancata assistenza o aiuto per le migliaia (si stima siano quasi 8mila ) passeggeri rimasti a terra per voli verso le isole greche (molto gettonate visto che la Grecia ha ridotto i prezzi notevolmente causa tremenda crisi ). L’associazione invita a mettersi in contatto e richiedere il rimborso in assenza di informative e o informative corrette , ovviamente dimostrando la propria richiesta .

(Comunicato Telefono Blu)