Marea Nera, il nuovo manager della British Petroleum si presenta agli americani

Roma, 27 lug. E’ annunciando “cambiamenti di cultura” a British Petroleum che l’amministratore delegato in pectore, l’americano Bob Dudley si presenta al grande pubblico americano, con una intervista alla rete Abc. Il gruppo ha appena ufficializzato la sua nomina: dal primo ottobre sostituirà il britannico Tony Hayward, la cui gestione, anche a livello mediatico del disastro ambientale dovuto alla fuoriuscita di greggio da un pozzo sottomarino di Bp nel Golfo del Messico ha innescato per mesi forti polemiche negli Usa. “Penso che a volte eventi di questo genere ti scuotano fino alle fondamenta – ha detto Dudley – e ci sono due risposte. Una è scappare e nascondersi, l’altra è reagire e cambiare veramente la cultura della compagnia, in modo da assicurarsi che ci siano tutti i controlli e gli equilibri volti a evitare che una cosa simile si ripeta”. Originario del Mississipi, Dudley ha definito “giorni difficili” quelli che hanno portato alla sostituzione di Hayward. Gli riconosce di aver avviato un solido percorso di riorientamento sulla sicurezza delle operazioni, il gruppo si è mosso in quella direzione e “ci vuole un po’ di tempo”. Ma Dudley vuole guardare al futuro “ci orienteremo verso standard più elevati. Sospetto che la gente in America e le autorità ci sproneranno verso standard più alti. Mi sembra ragionevole – ha proseguito – e risponderemo a tutto questo, faremo dei cambiamenti”.

Apcom