P3, Dell’Utri si avvale della facoltà di non rispondere ai magistrati romani

Il senatore del Pdl Marcello dell’Utri si è avvalso della facoltà di non rispondere ai magistrati romani che lo hanno messo sotto inchiesta nell’ambito della vicenda della cosiddetta P3. ”A Palermo 15 anni fa – ha detto dell’Utri – ho parlato 17 ore e sono stato rinviato a giudizio sulla base della mie dichiarazioni. Ho imparato da allora”.
“E’ una mia regola fissa -ha dichiarato Marcello dell’Utri uscendo dall’ufficio del procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo – non avendo parlato con i procuratori non mi sembra il caso di farlo con la stampa. E’ una regola fondamentale per chi è indagato, la consiglio a tutti”. Nei giorni scorsi il senatore del Pdl aveva ricevuto un invito a comparire dalla Procura di Roma.

Fonte: Ansa

Ultimo articolo correlato: P3 Verdini: “Bisogna vedere le motivazioni di Fini. E’ una richiesta largamente impropria. Non c’è alcun motivo per dimettermi”