Francia, casa degli orrori, parla Dominique Cottrer: “Ora mi sento sollevata”

Ora mi sento sollevata“. Queste, secondo il suo avvocato, le parole di Dominique Cottrer, dopo aver confessato l’omicidio dei suoi 8 figli appena nati, nel corso degli ultimi 20 anni. Lo riferisce l’Afp. I cadaveri sono stati ritrovati in due villette di Villers-au-Tertre, nel nord-est della Francia. L’avvocato ha descritto una donna “molto provata, stanca e abbattuta” che si trova in uno “stato di notevole confusione”. Ha visto la sua cliente finalmente liberata dal peso di un segreto che si portava dietro da 20 anni: “Non deve più portare questo peso sulla coscienza; per questo ora prova una sorta di sollievo”. L’avvocato ha sottolineato che la sua cliente “non ha tergiversato al momento dell’interrogatorio” indicando, dopo la scoperta dei primi due corpi, dove si trovavano quelli di altri sei bambini, nascosti nel suo garage. Il legale ha anche dichiarato che cinque o sei omicidi potrebbero cadere in prescrizione, considerando gli anni trascorsi. Fa ancora fatica a comprendere cosa sia successo, invece, Pierre-Marie Cottrez, il marito della donna. “Non condanna la moglie, prima vuole capire” ha dichiarato il suo avvocato al quotidiano locale ‘La Voix du Nord’. Secondo il legale, l’uomo “non ha ancora compreso cosa sia successo. Ha scoperto tutto durante l’interrogatorio, nel corso della confessione della moglie. Non ne sapeva niente”. Il signor Cottrez, scagionato da ogni accusa, “ha scoperto quanto successo quando lo hanno scoperto i poliziotti, noi avvocati, i cittadini. E’ stato uno choc”.

APCOM