Meteo, maltempo: piogge arrivano al Sud, ma domenica torna il caldo

Drastico cambiamento delle condizioni meteo su tutta la penisola: una perturbazione atlantica, che ha già raggiunto le regioni settentrionali, interesserà nelle prossime ore anche le aree centrali e meridionali, con temporali definiti di forte intensità. Ieri le regioni nord orientali e quelle centrali sono state interessate da piogge accompagnate da forti raffiche di vento, fulmini e grandinate.

A partire da oggi il maltempo si estenderà localmente anche alle regioni del Sud, soprattutto in Puglia, Calabria Campania e Basilicata. Tra le regioni colpite dall’ondata di maltempo figura il Friuli Venezia Giulia, dove ieri mattina è piovuto sulla costa e su ampie zone della Regione, il tutto con forti venti di scirocco sulle pianure. Sempre ieri le piogge e un netto calo delle temperature hanno interessato anche il Trentino, dove si sono registrate piogge e temporali: la colonnina di mercurio, che la scorsa settimana superava i 30 gradi, potrebbe infatti scendere a 24 nelle valli e a 10 in montagna. Forti nubifragi e venti forti hanno colpito anche il Veneto, soprattutto nelle province di Verona (100 mm in tre ore), Padova e Venezia, provocando una vittima e decine di milioni di euro di danni. A fronte di ciò il governatore Luca Zaia ha chiesto lo ‘stato di emergenza’. Complessivamente, ha ricordato, sono stati stimati o censiti danni per 73 milioni di euro, prodotti però anche da altri episodi di maltempo verificatisi a maggio, giugno e luglio.

Anche l’Emilia Romagna è stata attraversata dall’ondata di piogge e vento, e lo rimarrà, ha avvertito la Protezione Civile regionale, almeno fino a mezzogiorno di domani. Le piogge, è stato annunciato, potrebbero scendere con quantitativi superiori a 50 mm, segnatamente nelle aree centrorientali. Il maltempo ha interessato dalla tarda mattinata di ieri anche la Toscana, dove l’allerta meteo durerà fino alle 22 di sabato. Piogge e forti temporali si sono riversate soprattutto nelle aree centro-settentrionali della regione, interessando anche la Versilia e le province di Massa Carrara, Pisa e Livorno, con allagamenti di scantinati e sottopassi. Secondo l’Enel nel corso di circa 6 ore sono stati circa 4.350 i fulmini “caduti”. L’ondata di piogge e vento avrebbe provocato anche gravi ripercussioni sull’agricoltura, almeno secondo quanto denunciato dalla Coldiretti Lombardia, a detta della quale ammonterebbero a quasi 30 milioni di euro i danni provocati alle colture agricole della pianura padana.

Fonte: Ansa