Finlandia: il campionato mondiale di trasporto delle mogli

    Paese che vai, usanza che trovi! Anche quest’anno, nella piccola cittadina di Sonkajärvi, in Finlandia, si è svolta una curiosa manifestazione sportiva: il campionato del trasporto delle mogli!

    Questa originalissima manifestazione, un pò competizione sportiva ed un pò avvenimento folkloristico, sta diventando un’attrazione che richiama ogni anno migliaia di turisti anche stranieri.

    Visitatori che si mostrano assai divertiti davanti alle immagini dei grossi energumeni che portano “sballottolando” a destra e manca le donne come fossero delle bamboline.

    Un percorso lungo e faticoso di ben 253 metri, nel quale i mariti devono trasportare a spalla la propria moglie, tra dossi fatti in sabbia, piscina, grosse buche ed ostacoli vari.

    L’unica regola inderogabile del torneo è quella che stabilisce che devono essere gli uomini a dover trasportare le donne e non viceversa!

    Il campionato mondiale di trasporto delle mogli è una competizione molto sentita da quelle parti, tanto da far nascere delle vere e proprie rivalità, alimentate soprattutto dalle mogli!

    Sono infatti le donne le più infoiate, che durante il percorso, fatto praticamente tutto a testa in giù, incitano a squarcia gola il proprio uomo a correre e a non arrendersi fino al traguardo.

    Nessuna moglie vuole arrivare ultima e tutte sembrano tanti “fantini” a testa in giù che spingono al massimo il loro “cavallo”. La competizione è stata organizzata la prima volta il 1992 a Sonkajärvi, nei pressi di Iisalmi, in Finlandia.

    Si svolge annualmente agli inizi di luglio. Le sue origini sembrerebbero antichissime e risalire alla “notte dei tempi” quando gli indigeni del luogo razziavano i villaggi per fare incetta di donne e ampliare il loro personale harem.

    Una sorta di “ratto delle sabine” alla scandinava!

    Il campionato consiste in una corsa lunga 253,5 mt nella quale i concorrenti devono superare tantissimi ostacoli come pozze d’acqua e buche e distese di sabbia.

    Unico obiettivo: tenere in spalla senza far cadere la propria consorte, poiché in caso contrario si avrà una penalità di 15 secondi.

    Il vincitore avrà in premio una quantità di birra equivalente al peso della moglie, premio assai ambito per i finlandesi che, come tutti i nordici, bevono la birra come fosse acqua!

    Oltre alla preziosa bevanda di malto e luppolo fermentati, naturalmente il marito potrà fregiarsi per l’intero anno del prestigioso titolo di campione mondiale di trasporto delle mogli!

    I requisiti di base sono che la donna deve avere più di 17 anni di età (non è obbligatorio, naturalmente, che sia realmente moglie dell’uomo) e deve pesare almeno 49 chilogrammi.

    Se la donna non dovesse raggiungere il peso stabilito dal regolamento (cosa molto improbabile visto la natura delle donne scandinave, quasi tutte altissime), dovrà portare con sè uno zainetto riempito di sabbia, che fungerà da piccola zavorra allo scopo di far raggiungere i 49 chili previsti.

    L’unico strumento d’aiuto permesso dal regolamento è una cinghia della quale l’uomo potrà servirsi per tenere ancorata a sè la donna. Il campionato mondiale di trasporto delle mogli è perfino registrato nel libro dei Guinness dei primati.

    Lo spettacolo è unico e molto esilarante. Ricorda molto la scena del cavernicolo che trascina la propria donna per i capelli!

    Ora che siete venuti a conoscenza di questo incredibile torneo, nessuno vi impedirà di organizzarvi e andarlo a vedere l’anno venturo e chissà, magari deciderete anche voi di parteciparvi!

    Fabio Porretta