P3, Napolitano ai nuovi componenti del Csm: esigenza di regole contro “trame inquinanti”

Napolitano riceve i nuovi componenti del Csm e ribadisce l’esigenza di regole rigorose contro ’trame inquinanti che turbano e allarmano’. Il presidente cita vicende recenti legate all’operare, come aveva già detto, di ’squallide consorterie’, delle quali ’tuttavia spettera’ alla magistratura accertare l’effettiva fisionomia e rilevanza penale’. Occorre alzare la guardia, ribadisce, contro ’pratiche spartitorie’ rispondenti ad ’interessi lobbistici’. Vanno evitato scontri istituzionali. Simili deviazioni, osserva il capo dello Stato, finiscono per ’colpire fatalmente quel bene prezioso che e’ costituito dalla credibilita’ morale e dall’imparzialita’ e dalla terzieta’ del magistrato’. ’Gli eletti dal Parlamento – sottolinea – non sono rappresentanti di singoli gruppi politici, di maggioranza e di opposizione. Essi sono espressione della rappresentanza e delle funzione politica e democratica affidata al Parlamento in quanto sede della sovranita’ popolare’. I giudici devono adottare ’iniziative e posizioni che pongano l’altissima funzione dell’indagare e del giudicare al riparo da una spirale fatale di recriminazioni e di scontri sul piano politico e perseguano in tutti i sensi un corretto equilibrio istituzionale. Un equilibrio di cui dovranno farsi carico anche riforme in materia di giustizia che tendessero a rimodularlo’. Sugli annunci delle riforme della Giustizia cosi’ come sulle ipotesi che possono liberamente prospettarsi, non ho nulla da dire. Attendo di conoscere testi di proposte da discutere in Parlamento per fare cio’ che mi compete’.

Fonte: AnsaArticoli correlati: Csm, eletti dal Parlamento gli otto nuovi componenti laici