Un tributo a John Martyn: ci sono Robert Smith (Cure), Beck e Paolo Nutini

Ci sono nomi importanti, nuovi e storici, nell’album di omaggio a John Martyn che è in fase di assemblaggio e di rapida uscita.

Hanno deciso di partecipare al ricordo del grande cantautore britannico scomparso nel gennaio 2009 John Martyn tra gli altri Robert Smith dei Cure, Beth Orton, Beck, Paolo Nutini, Skye Edwards dei Morcheeba e Snow Patrol. E ci sono anche i Blackships, il gruppo messo assieme da Nick McCabe e Simon Jones, due ex Verve.

L’album dovrebbe essere così composto:

‘Stormbringer’  (Beck)
‘May you never’  (Snow Patrol)
‘Small hours’  (Robert Smith)
‘Rope soul’d or sapphire’  (Blackships)
‘Go down easy’  (Beth Orton)
‘Let the good things come’  (David Gray)
‘Couldn’t love you more’  (Lisa Hannigan)
‘I don’t want to know’  (Swell Season)
‘One world’  (Paolo Nutini)
‘Sweet little mystery’  (Devendra Banhart)
‘Go easy’ (Vetiver)
‘Head & heart’ (Vashti Bunyan)
‘Solid air’ (Skye Edwards)
‘Over the hill’  (Ted Barnes featuring Gavin Clark)
‘Glorious fool’  (Blind Boys Of Alabama)
‘Anna’ (Brendan Campbell)
‘Dancing’ (Sonia Dada)
‘Certain surprise’ (Sabrina Dinan)
‘Oh my God’ (John Wayne)
‘Clutches’ (Foley)
‘Angeline’ (Nicholas Barron)
‘You can discover’ (Cheryl Wilson)

Emiliano Stefanelli