Nucleare, Friuli: Il 6 agosto parte ‘Pace in Bici’, una 4 giorni contro il pericolo nucleare

”Le bombe atomiche compiono 65 anni: mandiamole in pensione obbligatoria”. Questo il messaggio della seconda edizione di ”Pace in Bici”, carovana in partenza venerdi’ 6 agosto per una quattro giorni in Friuli Venezia Giulia. Ad organizzare l’iniziativa l’associazione nazionale di volontariatoOnlus ”Beati i costruttori di pace”. Il viaggio in bicicletta si snoda attraverso le quattro province della regione con un percorso di circa 200 chilometri. L’appuntamento, arrivato alla sua seconda edizione, e’ un’occasione per ricordare Hiroshima, Nagasaki, ma non solo. Un pensiero anche a tutti coloro colpiti dal nucleare: dalle miniere del Niger ai sopravvissuti di Chernobyl per arrivare ai malati di tumore per uranio impoverito. La carovana si ritrovera’ a Trieste giovedi’ 5 agosto per partire il giorno successivo alla volta di Gorizia (65 chilometri), sabato sara’ la volta di Zugliano (53 chilometri) e domenica di Vallenoncello (76 chilometri) per arrivare, lunedi’, ad Aviano (20 chilometri), fino alla base Usaf, ”davanti ai cui cancelli – si legge nel programma – ricorderemo, alle 11.00, l’anniversario della seconda atomica, quella di Nagasaki, sapendo che aldila’ della recinzione sono tuttora depositati una cinquantina di ordigni nucleari”.

ASCA