Sondrio, ritrovato morto, pastore 29enne scomparso in giugno

Ogni speranza si è spenta nella tarda serata di ieri quando il corpo di Giordano Brandanini, 29enne pastore scomparso da Valdidentro (Sondrio) il 16 giugno scorso, è stato trovato in avanzato stato di decomposizione in un bosco della zona. Solo pochi giorni fa i famigliari si erano rivolti agli organi di stampa per lanciare un appello rivolto al ragazzo per invitarlo a tornare a casa nella convinzione che fosse ancora in vita.
“Torna a casa, la tua famiglia ti aspetta. Fallo almeno per il tuo piccolo Achille che ti aspetta a braccia aperte”, fu l’accorato appello della moglie.
Il suo corpo è stato recuperato dagli uomini del Soccorso alpino con i militari del Safg (Soccorso alpino Guardia di Finanza) di Bormio. Il ragazzo era uscito di casa con la sua auto attorno alle 23.00 e da quel momento si erano perse le tracce.
Qualche ora dopo era stato trovato il suo pickup in un dirupo, sul greto di un torrente. Il corpo non presenterebbe segni di violenza e si trovava a qualche centinaio di metri dal luogo dove custodiva il suo gregge. Difficile al momento stabilire le cause del decesso.
La Procura di Sondrio ha disposto l’esame autoptico e sta svolgendo ulteriori accertamenti per avere la certezza che effettivamente si tratti del ragazzo. Già in passato si era allontanato da casa ma tornando sempre indietro dopo qualche giorno.

Fonte: Agi